Il Don Giovanni“Se, come afferma Shakespeare, lo scopo del teatro è tenere lo specchio al tempo e alla società, Filippo Timi con il suo Don Giovanni ha fatto centro”
- Magda Poli, Corriere della Sera

“Dietro, oltre Mozart e Da Ponte, oltre Freud e Belli, oltre la Controriforma e l’Illuminismo, c’è mi pare, anche Carmelo Bene”
- Goffredo Fofi

“Ha diviso, ha fatto discutere, ha riempito sera dopo sera. Del Don Giovanni di Filippo Timi si possono dire molte cose, ma una è sicura: è stata una festa del teatro come non se ne vedono spesso. Il testo dello spettacolo ora è anche ebook, pubblicato da Roses in the Air. Vale la pena, fosse anche solo per leggersi il monologo invocazione alla madre prima della fine. Bellissimo”
- Sara Chiappori, la Repubblica

“Esagerato, inquietante, ironico, provocatorio, blasfemo, innamorato del melodramma e del web, infantile… [Il Don Giovanni di Filippo Timi] è l’incarnazione del desiderio, del’inganno, della seduzione senza regole, della colpa e della sua espiazione”
- Maria Grazia Gregori, l’Unità

· · · · · ·