Margaret Mazzantini - © Alessandro MoggiMargaret Mazzantini
è nata a Dublino e vive a Roma con il marito e i quattro figli. Ha esordito nella narrativa nel 1994 con Il catino di zinco, a cui sono seguiti Manola (1999) e Non ti muovere (2001, Premio Grinzane-Cavour, Premio Città di Bari, European Zepter Prize come miglior libro europeo, Premio Strega 2002), da cui è stato tratto il film diretto da Sergio Castellitto e interpretato da Penélope Cruz.
Dopo il monologo teatrale Zorro (2002), nel 2008 ha pubblicato Venuto al mondo (Premio Campiello 2009) diventato nel 2012 un film diretto da Sergio Castellitto con Penélope Cruz ed Emile Hirsch, Nessuno si salva da solo (2011), adattato per il grande schermo da Sergio Castellitto nel film con Riccardo Scamarcio and Jasmine Trinca nel 2015, e Mare al mattino (2011, Premio Pavese e Premio Matteotti). Il suo ultimo romanzo è Splendore (2013). Nel 2015 l’autrice ha ricevuto il Premio Nazionale alla carriera Città di Vigevano.

* * *

Margaret Mazzantini
was born in Dublin and lives in Rome with her husband and four children. She made her literary debut in 1994 with Il catino di zinco (The Zinc Basin), followed by Manola (1999) and Non ti muovere (Don’t Move, 2001, Premio Strega, Premio Grinzane Cavour, Premio Città di Bari, European Zepter Prize). Translated into more than 30 languages, in 2004 it became an acclaimed film directed by Sergio Castellitto, starring Penélope Cruz.

After the theatrical monologue Zorro (2002), she published the novel Venuto al mondo (Twice Born, 2008, Premio Campiello 2009), that became a film directed by Castellitto, starring Penélope Cruz and Emile Hirsch (2012), Nessuno si salva da solo (No One Survives Alone, 2011), adapted into a film by Sergio Castellitto starring Riccardo Scamarcio and Jasmine Trinca in 2015 and Mare al mattino (Morning Sea, 2011, Premio Pavese and Premio Matteotti). Her latest novel is Splendore (Splendor, 2013). In 2015 the author received the Career Award “Città di Vigevano”.

Link:
Margaret Mazzantini’s Website

· · · ◊ ◊ ◊ · · ·