Melania Mazzucco - © Christina Molnar

Melania G. Mazzucco
è nata a Roma. Ha esordito nella narrativa con Il bacio della Medusa (1996), cui ha fatto seguito La camera di Baltus (1998). Del 2000 è Lei così amata, romanzo dedicato alla scrittrice svizzera Annemarie Schwarzenbach, con cui si è aggiudicata il Premio Napoli.

In Vita (2003) ha reinventato in chiave picaresca e fantastica la storia di emigrazione in America della sua famiglia. Il romanzo ha vinto il Premio Strega e il Premio internazionale Arcebispo Juan de San Clemente per il miglior romanzo straniero pubblicato in Spagna nel 2004-2005. Nominato Globe & Mail Book of the Year 2005, è stato incluso tra gli Editors’ Choice della New York Times Book Review”e tra i Top Ten Books of the Year del Publishers Weekly (unico romanzo non di lingua inglese).

Nel 2005 ha pubblicato Un giorno perfetto, da cui è tratto l’omonimo film di Ferzan Ozpetek. Studiosa e appassionata d’arte, ha dedicato al pittore veneziano Tintoretto il romanzo La lunga attesa dell’angelo (2008, Premio Bagutta, Premio Scanno, Premio Biblioteche di Roma), e la biografia Jacomo Tintoretto e i suoi figli. Storia di una famiglia veneziana (2009, Premio Benedetto Croce, Premio Luigi Russo, Premio Palmi, Premio Comisso). Nel febbraio 2012 ha scritto un saggio biografico e i testi di sala per la grande mostra su Tintoretto allestita alle Scuderie del Quirinale.

Nel 2012 ha pubblicato il romanzo Limbo (Premio Elsa Morante, Premio Rhegium Julii, Premio Matteotti, Premio Bottari Lattes Grinzane) e Il bassotto e la Regina (Premio Frignano Ragazzi), racconto di Natale illustrato da Alessandro Sanna; nel 2013 il romanzo Sei come sei (Premio Molinello 2014) e nel 2016 Io sono con te. Storia di Brigitte (Libro dell’anno di Fahrenheit).

Nel 2013 ha raccontato 52 grandi capolavori dell’arte nella pagina domenicale Il museo del mondo su la Repubblica; la raccolta è uscita in volume nel 2014 e si è aggiudicata il Premio Città delle Rose 2015.

Melania G. Mazzucco è vincitrice del Premio letterario Viareggio-Tobino 2011, del premio Vittorio De Sica per la letteratura 2011, del Premio Ignazio Silone 2013 e del Premio Dante d’oro 2016 dell’Università Bocconi e, sempre nel 2016 è diventata membro d’onore della Scuola Grande di San Rocco a Venezia, ricevendo la pergamena di Consorella d’Onore. Il suo libro Io sono con te. Storia di Brigitte è stato votato libro dellanno di Fahrenheit (Rai Tre) e le è valdo il Premio Letterario Basilicata per la narrativa 2017.

Ha scritto per il cinema, il teatro e la radio, ottenendo riconoscimenti internazionali, ed è tradotta in 27 paesi. Ha pubblicato articoli, reportage e racconti su numerose testate (Il Sole 24 Ore, Corriere della Sera, il manifesto, Il Messaggero, Nuovi Argomenti), collabora a  la Repubblica ed è invitata regolarmente a tenere conferenze nelle maggiori università, italiane e straniere.

* * *

Melania G. Mazzucco
was born in Rome. She made her debut in fiction with Il bacio della Medusa (Medusa’s Kiss, 1996), followed by La camera di Baltus (Baltus’ s Room, 1998), and Lei così amata (She, So Loved), about the Swiss writer and traveller Annemarie Schwarzenbach, has been published in 2000, and awarded with the Premio Napoli. In 2007, Mazzucco translated into Italian and edited a selection of Annemarie Schwarzenbach’s short stories, La gabbia dei falconi (Bei Diesem Regen. Erzählungen, 1934/1935).

Her novel Vita (2003) obtained the Premio Strega, Italy’s most important literary award. In Spain, it won the International Prize Arcebispo Juan de San Clemente for best foreign novel of the year 2004-2005. In 2005, it also became the Globe & Mail Book of the Year, a New York Times Book Review Editors’ Choice, and one of the Publishers Weekly Top Ten Books of the Year, the only foreign work in the list.

The following novel Un giorno perfetto (A Perfect Day, 2005, Premio Roma) has been turned into the omonimous film by Ferzan Ozpetek.

Mazzucco dedicated to the Italian Renaissance painter Tintoretto her novel La lunga attesa dell’angelo (The Long Wait for the Angel, 2008, awarded in 2009 with Premio Bagutta, Premio Scanno, Premio Biblioteche di Roma) and the monumental biography and study Jacomo Tintoretto e i suoi figli (Jacomo Tintoretto and His Children, 2009, awarded with Premio Benedetto Croce, Premio Luigi Russo, Premio Palmi, Premio Comisso). In February 2012, she contributed with an essay about Tintoretto and a series of introductory captions to his paintings to the huge exhibition in Rome at Scuderie del Quirinale.

In 2012 she published Limbo  (Premio Elsa Morante, Premio Rhegium Julii, Premio Matteotti, Premio Bottari Lattes Grinzane) and the Christmas tale Il bassotto e la Regina (Plato and the Queen, Premio Frignano Ragazzi)illustrated by Alessandro Sanna, and in 2013 the novel Sei come sei (You Are How You Are, Premio Molinello 2014), in 2016 Io sono con te. Storia di Brigitte (I Am With You. Story of Brigitte, Book of the Year-Fahrenheit 2016).

In 2013, she was a weekly contributor to la Repubblica with the art column Il museo del mondo: her contributes have been collected in the volume Il museo del mondo, published in 2014 and winner of the Premio Città delle Rose 2015.

Mazzucco won the Viareggio Tobino Literary Award 2011 as writer of the year, the 2011 Premio Vittorio De Sica for literature, and was awarded the Premio Ignazio Silone 2013 and the Dante d’oro by Bocconi University. In 2016, she became an honorary member of the Scuola Grande di San Rocco in Venice and her book Io sono con te. Storia di Brigitte was voted Book of the Year by the public of the popular radio program Fahrenheit (Radio 3) and has won the the Premio Letterario Basilicata for fiction in 2017.

Her books have been translated in 27 countries and she has written award-winning works for cinema, theater, and radio. She has contributed with articles, reportages, and short stories to la Repubblica, Il Sole 24 Ore, Corriere della Sera, il manifesto, Il Messaggero, Nuovi Argomenti, and is regularly invited to hold conferences and lectures in major universities in Italy and abroad.

· · · ◊ ◊ ◊ · · ·